Il Colesterolo

il colesterolo

Su colesterolo alto vogliamo come prima cosa darvi una piccola definizione del Colesterolo.

il colesterolo

Spieghiamo in breve qui sotto cosa è e cosa rappresenta:
La definizione presa dai principali libri di medicina riporta la seguente frase:
“Il Colesterolo è uno sterolo, cioè una molecola costituita da quattro anelli policicloalifatici (condensati tra loro in formazione trans) e una coda alifatica, oltre ad eventuali gruppi funzionali, come l’ossidrile, che fa sì che il composto sia un alcol cicloalifatico. La struttura policiclica di base prende il nome di Ciclopentanoperidrofenantrene.”

il colesterolo

Bene ma in pratica a cosa serve?

Il colesterolo è un elemento indispensabile della guaina cellulare di tutte le cellule animali: si inserisce in mezzo i due strati di fosfolipidi orientandosi con il genere -OH contiguo alle teste polari dei fosfolipidi, diminuendo in tal modo la fluidità del aggregato (vedi Modello a mosaico fluido) tuttavia aumentando la persistenza meccanica e la duttilità delle cellule. In questo modo facendo però diminuisce la penetrabilità a piccole molecole idrosolubili.
Assieme con molecole proteiche il colesterolo norma lo scambio di sostanze messaggere tramite la pellicola cellulare.
Ampliamento e ripartizione cellulare non sono possibili senza colesterolo.
Il colesterolo è la materia fondamento per la unificazione degli ormoni steroidei come aldosterone, cortisone, testosterone, estradiolo ecc. (vedi ghiandole surrenali e della vitamina D).
Il colesterolo è indispensabile per lo aumento embrionale: le malformazioni di neonati successivamente la somministrazione di Contergan alle madri erano causate da un interferenza nella biosintesi di colesterolo.
Il colesterolo preparato nel fegato viene impiegato in buona parte per la fabbricazione di bile, una materia secreta nel duodeno che serve a emulsionare i lipidi alimentari per renderli assorbibili dall’intestino tenue.

Provenienza del colesterolo:

Il colesterolo può essere di provenienza esogena se assunto mediante l’alimentazione (carne e in dettaglio cervello, latticini, tuorlo d’uovo) oppure proveniente da sorgente endogena se sintetizzato dal fegato a provenire da acidi grassi insaturi, in abbondanza inversamente proporzionale alla abbondanza introdotta insieme la dieta. Nel caso nell’organismo scarseggino gli insaturi, il fegato utilizza per la suddetta riassunto acidi grassi saturi; ciononostante per mezzo di tal combinazione si formano composti poco solubili i quali si depositano nelle arterie, favorendo la struttura delle placche ateromatose. Conseguentemente una dieta ricca di acidi grassi saturi ovvero direttamente di colesterolo favorisce l’insorgere dell’aterosclerosi, una infezione in cui il sedimento di colesterolo sul rivestimento interiore dei vasi sanguigni può provocare l’ostruzione di un’arteria , dunque, un attacco di cuore.

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *